Il segno del Tempo…

…E’ freddo… la strada è gelata… due del mattino… nel caldo del forno il panettiere dosa gli ingredienti. Segue un processo che va dalla preparazione alla fermentazione… e poi la cottura… fuori il resto del mondo dorme… nell’aria l’intensità degli aromi tipica del forno a legna non trova eguali… Il cuore della città si sveglierà come al solito con profumi che sanno di buono. Adagiata sopra una mensola di marmo la pagnotta con baciatura ai fianchi, croccante all’esterno e mollica bianca soffice e spugnosa all’interno si rivolge alla tipa che ha di fronte sicuramente una francese di nome baguette: signora ritiene che il nostro chef della panificazione sia all’altezza del suo mestiere?… Beh sinceramente con tutti i sacrifici e le levatacce dei turni di notte credo che sia davvero bravo nel suo lavoro…focacce dolci secchi, grissini bruschette… e poi… e poi… come uomo è proprio un pezzo di pane!!! Non è così signora Pagnotta??? Ma si… ma si… è stato l’unico a contenere i prezzi anche quando il caro e vecchio filone aveva raggiunto prezzi da gioielliere… ecco appunto!!!… Lembi di fiamme escono dall’architravatura del forno in pietra come la bocca di un drago buono… tutto procede come deve… con la pala in mano il fornaio guarda i refrattari sputare vapore… signora baguette bisogna ammettere che il nostro “padre adottivo” è una figura professionale che ha sempre seguito le regole, la passione e il rumore delle impastatrici… sà il rumore scandisce le ore della notte… è… è… è vero signora pagnotta queste competenze sono difficilmente improvvisabili!!! Sembra che più che un lavoro sia un antica arte… E lo è!!! Ne sono convinta. Beh effettivamente il profumo e il gusto del pane sono inconfondibilmente conosciuti da millenni fin dai tempi in cui si cuoceva sopra pietre roventi coperte di cenere… le tre del mattino… si sta facendo tardi è ora di andare… andare dove??? Come dove??? Ma in forno altrimenti si perde la lievitazione!!!… Ah già!!! Ci vediamo dopo sul banco delle vendite… si… si… ci vediamo dopo!!! Fuori albeggia… arrivano i corrieri… vestito di bianco accende la prima sigaretta… dall’alta Murgia arrivano i canti della notte… lievi melodie… tracce di farina sul selciato lo guidano a casa.

Maurizio Lucci
Mestieri Riflessi (ovvero dalla parte degli altri)



Scrivi un commento